Nuove regole per la Gestione delle Crisi Bancarie

A partire dal 1° gennaio 2016 è pienamente applicabile in Italia la Direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) , che introduce in tutti i paesi europei regole armonizzate per prevenire e gestire le crisi delle banche e delle imprese di investimento.

Le nuove norme consentiranno di gestire le crisi bancarie in modo ordinato attraverso strumenti più efficaci e l’utilizzo di risorse del settore privato, riducendo gli effetti negativi sul sistema economico ed evitando che il costo dei salvataggi gravi sui contribuenti.

La Banca d’Italia, autorità di vigilanza del settore bancario italiano, ha pubblicato un documento che spiega le caratteristiche e le linee fondamentali della nuova normativa, che ti invitiamo a leggere: Gestione crisi bancarie – Q&A

Il bail-in è uno degli strumenti applicabili in una procedura di risoluzione. Si attiva il bail-in se la banca è considerata rilevante in termini di interesse pubblico. Alla luce di tale regola si ritiene contenuta l’eventualità che una BCC possa essere oggetto di una procedura di risoluzione. Conseguentemente, in caso di grave difficoltà di una BCC, qualora le rafforzate misure di prevenzione delle crisi previste dal nuovo quadro normativo si rivelassero insufficienti, si applicherebbero le ordinarie procedure previste per i casi di non solvibilità.

Per ulteriori informazioni sul bail-in, leggi il documento qui richiamato.

L’attenzione per la sicurezza dei risparmiatori è da sempre una priorità per la BCC dei Castelli e degli Iblei, che ha indici di solidità e stabilità ai massimi livelli, grazie al requisito patrimoniale tra i più elevati a livello nazionale (per saperne di più…).